Cos’è il THC

Impariamo cosa è il THC

Cos’è il THC contenuto nelle piante di Cannabis? Molti non sanno dare risposta e spesso ci si limita a stigmatizzare un principio attivo per l’uso che ne viene fatto dalle persone, senza conoscerne la composizione e gli effetti in maniera completa.

Il THC (per esteso delta-9-tetraidrocannabinolo) è il componente più conosciuto della cannabis: fa parte della più ampia classe dei cannabinoidi, isolato per la volta nel 1964 grazie al lavoro condotto dal dottor Raphael Mechoulam.

Cos’è il THC e i cosa sono i Cannabinoidi?

I Cannabinoidi sono sostanze chimiche (classificate come terpenofenoli), la caratteristica principale che li accomuna è la capacità di interagire con i recettori del sistema endocannabinoide umano, esistono cannabinoidi endogeni (prodotti dal corpo umano), cannabinoidi sintetici (ricreati in laboratorio) e fitocannabinoidi.

Si identificano quindi nello specifico come fitocannabinoidi (dal greco fito- , pianta) quei cannabinoidi che sono naturalmente contenuti nella Cannabis Sativa, ne sono stati identificati circa una settantina e su molti di essi non sono stati ancora stati effettuati studi approfonditi.

I più importanti sono:

• il tetraidrocannabinolo (THC, Δ9-THC)
• il cannabidiolo (CBD)
• la tetraidrocannabivarina (THCV)
• il cannabinolo (CBN)
• il cannabicromene (CBC)
• il cannabiciclolo (CBL)
• il cannabielsoino (CBE)
• il cannabigerolo (CBG)
• il cannabinidiolo (CBND)
• il cannabitriolo (CBT)
• la cannabivarina (CBV)
• la cannabidivarina (CBDV)
• la cannabicromevarina (CBCV)
• la cannabigerovarina (CBGV)
• il cannabigerolo monoetiletere (CBGM)
• il tetraidrocannabiforolo (THCP)
• il cannabidiforolo (CBDP)

Questa capacità di interazione con il nostro corpo fa dunque sì che queste sostanze se assimilate abbiano una serie di effetti specifici sul corpo.

Gli effetti associati al THC vengono generalmente ridotti all’effetto psicotropo che questa sostanza ha se assunta in certe dosi. Questo ha quindi alimentato la sua cattiva fama e gli argomenti a favore del proibizionismo, ma la realtà è che il THC contenuto nei fiori di marijuana ha proprietà terapeutiche e benefiche molto ben documentate.

Proprietà ed effetti del THC

Per conoscere veramente cosa è il THC dobbiamo innanzitutto capire che questo principio attivo è responsabile di molti degli effetti terapeutici della cannabis stessa.
Sebbene i recettori dei cannabinoidi si trovino in tutto il corpo umano, il THC agisce principalmente sui recettori presenti nel sistema nervoso ed è quindi questo il motivo per cui ha tali forti proprietà psicoattive: rilassamento, alterazione di immagini, suoni e sapori.

Oltre a questi effetti sensoriali, ricerche approfondite negli ultimi decenni spiegano che il THC possiede numerose proprietà medicinali che sono state utilizzate in maniera vincente in una vasta gamma di applicazioni, anche in sostituzione di farmaci sintetici con effetti collaterali indesiderati molto gravi, che il THC non ha:

  • contro nausea e vomito in chemioterapia
  • stimolazione dell’appetito nelle terapie per anoressia, bulimia e per disturbi dell’appetito in pazienti malati di AIDS
  • sclerosi multipla
  • terapia del dolore (in associazione in particolare con CBD)
  • traumi cerebrali / ictus
  • sindrome di Tourette
  • cancro al cervello, alla prostata, al seno, ai polmoni
  • leucemia
  • artrite reumatoide
  • malattie infiammatorie croniche intestinali (malattia di Crohn, colite ulcerosa)
  • glaucoma
  • epilessia

Altre indicazioni potenziali:

  • allergie
  • anti-tumorale
  • trattamento asma bronchiale
  • malattie autoimmuni (lupus eritematoso, …)
  • malattie neurodegenerative (malattia di Alzheimer, corea di Huntington, malattia di Parkinson)
  • patologie cardiovascolari (aterosclerosi, ipertensione arteriosa)
  • sindromi ansioso-depressive
  • sindromi da astinenza nelle dipendenze da sostanze
  • spasticità nelle lesioni midollari (tetraplegia, paraplegia)

Conseguentemente a queste scoperte in ambito medico, l’industria farmaceutica ha iniziato a utilizzare i cannabinoidi nella terapia del dolore per le sue spiccate proprietà antinfiammatorie e antidolorifiche in farmaci contenenti THC come il Sativex o il Bedrocan.

Il THC non ha effetti distruttivi sul fisico e il dosaggio per un avvelenamento mortale (o overdose per usare un termine caro alla propaganda proibizionista) da questa sostanza è talmente elevato da essere praticamente impossibile da assumere.

Metodi di assunzione del THC

L’ingestione di THC sotto forma di capsule e di olii è il metodo più indicato per un uso terapeutico della sostanza in quanto non c’è degrado del principio attivo e la concentrazione dei preparati è tale da fornire l’effetto desiderato con intensità controllata e prolungato nel tempo.

Oltre all’ingestione, l’inalazione tramite vaporizzazione è un altro metodo molto diffuso per l’assunzione di marijuana terapeutica: i vaporizzatori scaldano l’erba a temperature attorno ai 180/185°C per permettere la vaporizzazione del principio attivo (THC, CBD e terpeni vari) decarbossilando il fiore di Cannabis senza bruciare le fibre vegetali.
In questo modo vengono eliminati completamente i danni della combustione e il paziente può godere degli effetti della cannabis senza degrado dei principi attivi.

Infatti una normale sigaretta brucia fino a 800°C, a questa temperatura tutti i principi attivi presenti nella Cannabis vengono degradati fino a diminuire l’effetto, determinando inoltre la formazione di centinaia di composti volatili e polveri sottili assolutamente dannosi per la salute.

Con la vaporizzazione vengono inoltre mantenute tutte le caratteristiche aromatiche della cannabis e il consumatore può così godere del profumo e degli effetti benefici dei terpeni contenuti nei fiori di marijuana.

Presenza del THC nella pianta di Cannabis

Il THC è prodotto dalle piante di Cannabis fammina, la massima concentrazione di questa sostanza è contenuta nei tricomi presenti sulle inflorescenze.

I tricomi sono minuscole strutture “a goccia” che costellano la superficie delle inflorescenze e delle foglie più piccole, il loro scopo è quello di emanare una resina appiccicosa il cui scopo è quello di raccogliere i pollini delle piante maschili volatilizzati dal vento o portati da insetti e animali, una volta che la pianta femmina viene inseminata da pollini maschili, l’inflorescenza toccata dai pollini inizia a generare semi e la pianta smette di produrre la preziosa resina ricca di THC e Cannabinoidi e terpeni.

E’ per questa ragione che coloro che coltivano Cannabis per le sue inflorescenze, a meno che non vogliano far riprodurre la pianta, tengono ben lontane le piante maschio dalle piante femmina, o addirittura preferiscono lavorare con semi già femminizzati.

Percentuali di THC e concentrati

La concentrazione di THC presente nelle piante di Cannabis (intese come piante non a scopo industriale, e non ad alto contenuto di CBD) all’interno delle foglie grandi e della struttura vegetale è nell’ordine di 0,5-1%1-3% nelle foglie piccole, variabile nei fiori dal 10 al 27%5-10% nelle brattee (le piccole foglioline carnose che crescono nelle inflorescenze).

Esistono poi dei sistemi di estrazione, da cui si ottengono varie sostanze; hashish, charas, rosin, tinture di THC etc.
Queste sostanze sono dei concentrati, la pianta viene lavorata in modo da ottenere solo i tricomi dalla battitura di piante essiccate (come nel caso dell’hashish) o delle paste appiccicose, che sarebbero poi la resina raccolta dalla pianta viva (ovvero il charas).

Nel caso del Rosin, si tratta di una tecnica per ottenere una resina ad elevatissimo contenuto di THC e principi attivi, utilizzando presse riscaldanti per “strizzare” i fiori già conciati in modo da far fuoriuscire i preziosi succhi.

Le tinture sono invece estrazioni a base alcoolica, essendo la resina della Cannabis solubile in alcool. Questo è un processo che può rischiare di degradare resa aromatica ed effetti dei principi attivi se non effettuato nella maniera corretta.

In generale tutti questi prodotti hanno una concentrazione di THC superiore rispetto all’inflorescenza naturale, dal 10 al 60% nel caso di hashish, charas e rosin, fino a 99% in caso di estrazioni particolari e tinture ad uso medico.

Effetti indesiderati

In quanto sostanza dagli effetti psicoattivi il THC può, in individui predisposti, far affiorare stati di ansia e disagio. In casi estremi (persone affette da disturbi psicotici) ne è sconsigliato l’uso a causa dell’imprevedibilità dei soggetti.
Questa tendenza a sviluppare l’ansia in alcuni soggetti ha fatto sì che molti consumatori prediligano fiori di Cannabis ad alto contenuto di CBD .

In questa maniera il consumatore può continuare a beneficiare delle qualità aromatiche e rilassanti della Cannabis, senza spiacevoli effetti psicotropi che potrebbero essere eccessivi per consumatori casuali o per persone che hanno abbandonato la cannabis ad alto contenuto di THC a causa dell’insorgere di spiacevoli momenti di ansia e paranoia.

Adesso sapete cos’è il THC; una sostanza naturale prodotta da una pianta straordinariamente diffusa su tutto il pianeta a tutte le latitudini, sopravvissuta e perfezionata in centinaia di millenni di evoluzione, che l’arroganza umana costringe all’illegalità sulla base di limitanti tabelle sugli stupefacenti.

Fonti: www.cannatris.com; www.cannabisterapeutica.info; www.dolcevitaonline.it; www.wikipedia.com

Leggi anche: Cos’è il CBD?

Cannabis legale

Compra cannabis legale di qualità superiore, solo prodotti selezionati per garantire la miglior esperienza sensoriale.
Ordina ora e scopri le nostre varietà di cannabis light.

Olio a base di CBD

Olii di alta qualità, sia Full Spectrum, che a base di cristalli puri di CBD in olio MCT, concentrazioni dal 10% al 20%.
Ordina ora e scopri le nostre varietà di oli.

Semi di cannabis da collezione

I migliori produttori, le genetiche più selezionate al miglior prezzo, semi autofiorenti e femminizzati.
Ordina ora e scopri le nostre varietà di semi.

Accessori

Prodotti in Offerta

Ottieni un codice sconto per il nostro e-commerce

Iscriviti alla nostra newsletter per ottenere un codice sconto del 5% su tutti i nostri prodotti per un acquisto minimo di 50€.
Rimani aggiornato su tutte le offerte speciali e novità dedicate ai nostri clienti.

 

I prodotti a base di CBD disponibili su questo sito sono derivanti dalla coltivazione di Cannabis sativa L. Non sono farmaci, né possono essere usati in sostituzione di farmaci. Tenere lontano dalla portata di bambini. Sono vietati ai minori di 18 anni.
II prodotti non contengono ingredienti dannosi per l’uomo. Ai prodotti non è applicato il dpr 309/90, non trattandosi di sostanze stupefacenti o psicoattive in quanto il THC contenuto è inferiore allo 0,5% e ai 5mg per grammo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza. Continuando con la navigazione ne consenti l’uso.
Entrando accetti cookie policy, privacy policy, termini e condizioni di vendita, e dichiari di essere maggiorenne.